salvamento

ASSISTENTE BAGNANTI/BAGNINO: come diventarlo

   In Italia la sicurezza dei bagnanti è affidata a personale appositamente formato da due organizzazioni nazionali:

  •   la SOCIETA' NAZIONALE di SALVAMENTO di Genova
  •   la Sezione SALVAMENTO della F. I. N.
  Chi, buon nuotatore, desideri acquisire il brevetto di Salvamento, dovrà per prima cosa prendere contatto con il Responsabile di zona.
Un semplice motore di ricerca sul web, consentirà di visitare il sito dell'Organizzazione preferita e in quel sito trovare il contatto giusto.

   Il primo passo richiede il superamento di una prova di idoneità.
 Per sottoporsi alla prova sono necessari:
  •   la domanda di iscrizione alla prova (firma del genitore per minorenni)
  •   un certificato, di buona salute, del medico di famiglia
  •   età compresa tra 16 e 65 anni
  Con la prova di idoneità viene verificato il grado di acquaticità e di abilità tecnica  sulle nuotate: l'aspirante deve sapersi destreggiare con efficacia ed economia sull'acqua e nell'acqua; deve possedere una tecnica corretta ed efficace, almeno, nello stile libero e nella rana (particolarmente in questa nuotata deve possedere una valida spinta di sole gambe)   Superata la prova, si dovrà completare la documentazione:
  • domanda di partecipazione al corso (prestampata, con le autorizzazioni previste)
  • ricevute di pagamento delle quote previste
  • foto-tessera
  • dichiarazione di buona condotta
  • autorizzazione al trattamento dei dati
  • se cittadino non italiano, regolarità del permesso di soggiorno
   Il corso ha una durata di circa 40 ore, di cui circa 2/3 a secco per le conoscenze di Primo Soccorso, leggi e regolamenti, anatomia e fisiologia della respirazione e della circolazione ecc. e circa 1/3 in acqua, per le tecniche del salvataggio.
  Nelle prime sedute viene consegnato il kit didattico.
  A conclusione del corso si dovrà sostenere un esame di verifica sia per la parte teorica, mediante colloquio e/o questionario, sia per quella pratica.
  La verifica pratica dovrà accertare le competenze sia per le tecniche di salvataggio in acqua, sia per le manovre di rianimazione.
   Una volta effettuate le prove di esame, il relativo verbale compilato e firmato dai membri della commissione, sarà recapitato all'Organizzazione centrale che provvederà alla ratifica e invierà il documento di abilitazione agli interessati.
   I corsi generalmente si svolgono da gennaio a giugno e da ottobre a dicembre durano da due a tre mesi, a seconda del tipo di organizzazione (una/due/tre sedute a settimana, della durata di una o più ore), in orario pomeridiano o serale. Il Tecnico di Salvamento, è affiancato da un medico (che assiste anche agli esami) e, spesso, da altri esperti (legislazione, sicurezza, chimica delle acque, metereologia).
   Le competenze minime da somministrare sono quelle previste dal programma ufficiale, i mezzi e le strategie sono a discrezione del Responsabile: si potranno avere corsi più o meno organizzati e attrezzati, relatori più o meno abili, ma i contenuti e i protocolli sono gli stessi in tutto il territorio nazionale!

    COMPETENZE TECNICHE SPECIFICHE
    Prerequisiti e prova di idoneità:

    • età => 16, <= 65
    • nessuna pendenza penale in atto
    • visus => 8/10 per occhio, anche con lenti
    • idoneità psicofisica (testata con prova di idoneità)
    • nuotata a crawl corretta, per almeno m 100
    • nuotata a rana corretta, per almeno m 50
    • obbligo scolastico assolto (= licenza media)
    • recupero di un oggetto a m 3 (o m 12 sub in apnea)
    • sostentamentoi per 20" con busto fuori acqua

    Abilità natatorie da verificare all'esame di abilitazione
    SNS = eseguire di seguito le seguenti prove entro 8':
    • nuotare 25 metri  rana subacquea (se in mare: recuperare un grave di 3-4kg a 4-5m di profondità)
    • nuotare m 25 crawl
    • nuotare 25 metri rana
    • nuotare 25 metri dorso
    • nuotare 25 metri e recuperre un pericolante sul fondo
    • trasportare pericolante per 25 m e metterlo a secco
    FIN = eseguire le seguenti prove
    • nuotare i 100 metri  (tempo limite 1' 40")
    • nuotare (entro 1'25") m 25 crawl testa alta + recuperare il manichino a -1,50m + trasportarlo -presa libera- per m25
    • nuotare sub per 25 metri, recuperando tre oggetti intervallati di m 5
    • base 25 metri: prova di salvataggio con figurante o con  manichino, eseguendo correttamente le tre prese obbligatorie
NB: le disposizioni di cui sopra sono solo indicative, perché suscettibili di aggiornamento dalle rispettive Organizzazioni.